Forum FALLIMENTI - PASSIVO E RIVENDICHE

cessione credito insinuato allo stato passivo e riparto

  • Francesco Lepore

    ROMA
    07/07/2019 11:02

    cessione credito insinuato allo stato passivo e riparto

    Buongiorno
    mi trovo nella seguente situazione.
    Successivamente alla dichiarazione di esecutività del riparto parziale lo scrivente (il quale aveva precedentemente comunicato lo stesso ai creditori), contatta i percepienti per avere le coordinarie bancarie per eseguire i relativi bonifici. In tale sede uno dei creditori porta a conoscenza dello scrivente che il credito è stato ceduto. Lo scrivente pertanto ha provveduto ad eseguire i restanti pagamenti accantonando le somme dovute al subentrante successivamente all'esibizione della relativa documentazione attestante la cessione del credito.
    Il subentrante ha pertano provveduto ad inviare la relativa documentazione attestante la cessione del credito.
    Cosa fare ora?
    Procedo a richiedere la rettifica dello stato passivo e all'esito della stessa emetto mandato di pagamento nei confronti del subentrante o devo anche richiedere se ancora possibile la rettifica del progetto di riparto prima di eseguire il pagamento?
    Cordiali saluti
    dott Francesco Lepore

    • Zucchetti SG

      09/07/2019 19:47

      RE: cessione credito insinuato allo stato passivo e riparto

      Nulla di tutto questo. Lei, se ha ricevuto la formale documentazione della cessione, può pagare direttamente al cessionario la somma che avrebbe dovuto dare al cedente e che ha accantonato, e poi provvede alla formale modifica dello stato passivo, in applicazione del secondo comma dell'art. 115 l.f., per il quale "Se prima della ripartizione i crediti ammessi sono stati ceduti, il curatore attribuisce le quote di riparto ai cessionari, qualora la cessione sia stata tempestivamente comunicata, unitamente alla documentazione che attesti, con atto recante le sottoscrizioni autenticate di cedente e cessionario, l'intervenuta cessione. In questo caso, il curatore provvede alla rettifica formale dello stato passivo". La norma fa riferimento a cessioni antecedenti il riparto, ma se ha la comunicazione del cedente cha le ha detto di aver ceduto il credito e la documentazione dell'avvenuta cessione, non vediamo motivo a non applicare egualmente anche a questo caso la disposizione citata, dal momento che non si danneggia nessuno; il fallimento paga quanto comunque avrebbe dovuto pagare e paga a chi al momento del pagamento stesso è l'effettivo creditore.
      Zucchetti SG srl .