Forum PROCEDURE EX LEGGE FALL. - COMPOSIZIONE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Liquidazione controllata ex artt. 268 e ss CCII - Quota di bene indiviso

  • Fulvia Ventura

    BOLOGNA
    03/11/2022 16:18

    Liquidazione controllata ex artt. 268 e ss CCII - Quota di bene indiviso

    Buongiorno,
    un sovraindebitato sta per accedere alla nuova liquidazione controllata e metterebbe a disposizione della procedura, oltre ad una quota della sua retribuzione, il proprio patrimonio immobiliare, costituito dalla quota indivisa di 1/2 di un'abitazione.
    Trattandosi di bene indiviso, mi domando quale di queste strade sia percorribile e/o preferibile:
    - vendita della quota prima di entrare in procedura (ovviamente sulla base di perizia giurata) vincolando il ricavato in un conto dedicato che verrà messo a disposizione della procedura, giustificando il mancato ricorso alla vendita competitiva in ragione dei minori costi a carico della procedura medesima;
    - apertura della liquidazione e conseguente acquisizione della quota di 1/2 all'attivo della procedura. In questo caso il liquidatore procederà a vendita competitiva, ma mi domando se possa vendere direttamente e semplicemente la quota di 1/2 oppure se debba/possa azionare un giudizio divisionale.
    Grata della attenzione, invio cordiali saluti

    • Zucchetti SG

      Vicenza
      03/11/2022 18:12

      RE: Liquidazione controllata ex artt. 268 e ss CCII - Quota di bene indiviso

      E' chiaro che la seconda soluzione è quella più corretta in quanto conforme ala legge e teoricamente apportatrice di un possibile maggior ricavo attraverso una vendita competitiva, tuttavia le valutazioni da lei fatte sono molto pratiche e ragionevoli trattandosi di una quota ideale con il rischio di dover addivenire ad un giudizio di divisione ove non si riesca a vendere la quota; peraltro, se sono prese le precauzioni che lei dice (stima giurata della quota, deposito del ricavato, ecc.) ci sembra difficile anche l'ipotesi di un ricorso all'azione revocatoria , consentita dal secondo comma dell'art. 274 CCII, per cui non escluderemmo di seguire la prima strada, specie se si riesce a motivare con l'urgenza di accettare una offerta valida per un tempo determinato e che non sarebbe ripetibile in sede di procedura.
      Zucchetti SG srl